16. Un Mondo di Disordine

Piante utilizzate

Alloro (laurus nobilis)
Edera (hedera helix)
Fichi d’India (opuntia ficus indica)
Graminacea (stipa tenuissima)
Mandorlo (prunus dulcis)
Olivo (olea europaea)
Rosa a cespuglio rifiorente a mazzi
Rosa bengalense (rosa bengalensis semperflorens)
Rosmarino prostrato (rosamrinus officinalis prostratus)

Fioriture stagionali (begonie, pansé)

Ogni giardino ha bisogno di un po’ di disordine per rendere le cose più interessanti: le cataste di legna, le potature, i rami, i mucchi di foglie secche, hanno un loro ordine costituito, oltre a servire per fare la pacciamatura che nutrirà il terreno. La zona del disordine, a seconda dei momenti, può essere più o meno affollata ma da qui si riesce a vedere una finestra ritagliata nella siepe di alloro lungo il confine. In quest’area ho collocato anche un vecchio armadio di Narnia pieno di rose e un salottino da cui si gode una vista suggestiva e obliqua del giardino.

Pensiero e immaginazione

In questa zona lontana dal rumore della città conservo tanti episodi e aneddoti racchiusi nel profumo delle foglie e dei rami secchi. Ogni volta che guardo la panchina mi rivedo seduta con mia figlia piccolina, nella luce di un pomeriggio di settembre mentre rosicchia un grissino e ride delle buffe storie di famiglia che le sto raccontando

In ogni disordine c’è un ordine segreto che ci fa intravedere ricordi di noi.

Giardino

Mappa

Installazioni

By using the site, you accept our use of cookies. more information

This site uses cookies to provide the best browsing experience possible. By continuing to use this site without changing your cookie settings or clicking on "Accept" you allow their use.

Close